Elogio della bici

settembre 22, 2013 § Lascia un commento

Immagine

Faccio sempre la stessa strada, in bici, ogni mattina. Corso Francia-Piazza Statuto-Via Bertola-via Garibaldi-Piazza Castello-via Lagrange. Lavoro in centro, e non ci metto molto. E poi pedalare mi sveglia la mattina e mi rilassa la sera, allontanando in poche pedalate i pensieri del lavoro. Siamo a settembre, il clima è ideale per la bicicletta: un fresco pungente al mattino, che non arrivi sudato in ufficio ma nemmeno ibernato. E ogni mattina, sulla pista ciclabile di via Bertola c’è più gente. Una volta andare in bicicletta in città era una cosa da ragazze hippy con i fiori sul cestino e da hipster stilosi con la bici a scatto fisso. Oggi sulla pista ciclabile di corso Francia ti fermi al semaforo di fianco alla mamma con il seggiolino montato dietro e al professionista con il completo e la valigetta nel portapacchi. In Via Bertola un pensionato crea traffico (!) pedalando lentissimamente e un’energica signora con la piega appena fatta e il rossetto scampanella furiosamente, contro di lui e contro i pedoni che non riescono a distinguere una pista ciclabile da un marciapiede. In via Garibaldi le studentesse si distraggono guardando le vetrine mentre pedalano, e così via. sarà che è un settembre piacevole, sarà che la bici costa meno dell’auto e pure dell’abbonamento GTT, sarà quello che volete, ma a me tutta questa gente che pedala mi scalda il cuore. Anche se ci sono gli automobilisti che continuano a vederti come il Nemico, anche se a Torino le piste ciclabili ogni tanto finiscono nel nulla, anche se è un miracolo che la mia bici Quagliotti ancora non me l’abbia rubata nessuno. E continuerò a usare la bici per i miei spostamenti sia diurni che serali, alla faccia di una coppia di mezza età che ho sentito dire “ma la gente va in bici a quest’ora?” alle 11 di sera. No, vacci tu a San Salvario in macchina, che nel weekend non si trova posto nemmeno per parcheggiare la bici, figurati l’auto! E in questa domenica 22 settembre giornata della mobilità sostenibile io vi dico che ci credo, alla bici come mezzo di trasporto urbano. Anche d’inverno. Perché se ad Amsterdam, che fa un freddo porco, vanno tutti in bici, perché non lo possiamo fare anche noi? Ci aggiorniamo a dicembre, poi vi dico.

Annunci

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Elogio della bici su The concept store.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: