Naturale-digitale: un forum per la cosmesi eco-bio

novembre 23, 2010 § 19 commenti

Se la composizione del mio armadietto del bagno è cambiata, eliminando gli eleganti pack delle più note case cosmetiche a favore di sfigati barattoli bianchi con stampate sopra etichette bucoliche, la colpa è sua. Di Lola, una specie di fatina bionda (vedere immagine a lato) che dispensa commenti al vetriolo sui più comuni (e pubblicizzati) cosmetici acquistabili nei supermercati o in profumeria.

Provate a cercare in rete le opinioni su un prodotto cosmetico: 9 volte su 10, vi spunterà fuori il forum dell’Angolo di Lola. Qui, la fatina bionda e le sue “loline” venerano l’oscura religione dell’INCI, parlano di cosmesi eco-bio e di spignattamento e sovvertono le più comuni opinioni in fatto di cosmetica, come ad esempio la credenza che una crema da 100 euro sia meglio di una da 10, come ci hanno inculcato anni di scrupolosa lettura di riviste femminili. Chi è Lola? Cosa c’è dietro il suo forum? L’ho chiesto direttamente a lei. Ecco le sue risposte.

Chi è Lola?
Loredana, cognome segreto a seguito di numerose minacce di denuncia da parte di case cosmetiche , anni 41, impiegata in una ditta artigiana. Laureata in scienze politiche, non ho seguito un percorso di studi legato a quello che è il mio hobby, ovvero l’eco-cosmesi.
La passione per l’autoproduzione cosmetica nasce per caso quasi sette anni fa, dall’idea di fare in casa un pot-pourri. Da lì ho iniziato a leggere libri sull’aromaterapia e a interessarmi del contenuto dei cosmetici che ci spalmiamo sulla pelle. Ho fatto numerose ricerche su Internet, e ogni volta che cercavo qualcosa, con un flacone di bagnoschiuma o di crema in mano, saltava sempre fuori lo stesso sito: Promiseland.
Mi sono iscritta, ho molto letto ed imparato e dopo un paio di mesi ho iniziato anche a partecipare.
Volevo provare anch’io a farmi delle creme in casa, anche se all’epoca era difficilissimo trovare gli ingredienti che mi avrebbero premesso di emulsionare acqua ed olio. Per fortuna mi hanno aiutato altri partecipanti al forum, e ho iniziato a fare i primi esperimenti. Le mie prime creme assomigliavano ben poco a quelle comprate, e quindi ho continuato a studiare libri di cosmetologia e fare le indispensabili sperimentazioni pratiche: all’epoca le fonti su cui informarsi online erano inesistenti, e ho dovuto scoprire praticamente da sola i vari ingredienti e le loro interazioni. Per comprare le materie prime toccava andare in farmacia, a parlare con farmacisti che mi guardavano con diffidenza. Però non mi sono arresa, e  pian piano sono riuscita ad avere una dotazione notevole di sostanze e sono migliorata sempre di più. Quando avevo un dubbio o una curiosità chiedevo sul forum di Promiseland, dove per mia fortuna scrivevano parecchi cosmetologi di fama, e quindi ho potuto avere aiuto da personaggi di prim’ordine.
Nel frattempo diventavo sempre più esperta sui vari ingredienti perché per me non erano nomi vuoti, ma sostanze fisiche che avevo toccato e sperimentato; quindi ogni volta che qualcuno chiedeva un parere su un cosmetico postandone l’elenco degli ingredienti come stava scritto sulla scatola riuscivo a dare anche un parere sull’efficacia, oltre che sulla biodegradabilità.

Quando nasce il forum “L’angolo di Lola” e perché?
Oltre che su Promiseland, avevo iniziato a scrivere sul forum di Alfemminile, con l’ambizioso progetto di diffondere l’abitudine a cercare di capire cosa c’è effettivamente dentro i cosmetici, al di là dei claim pubblicitari. Prima  i pareri sui prodotti erano incentrati essenzialmente sulla piacevolezza d’uso, io ho cominciato a chiedere alle ragazze di postarmi l’INCI, cioè l’elenco degli ingredienti dei prodotti che volevano analizzare, e poi davo il mio parere. A un certo punto avevo già molto seguito nel forum, ma era diventato difficile portare avanti un discorso serio, perché Alfemminile ha una moderazione inesistente e   troll (disturbatori) e maniaci vari infestavano tutti i topic. Allora, era il settembre del 2006, ho deciso di aprire un forum mio, sulla piattaforma Forumup. La registrazione è stata semplicissima e nel giro di cinque minuti ero online! Volevo semplicemente continuare a fare in pace quello che già facevo prima,  ovvero la recensione dei cosmetici in base all’elenco degli ingredienti.
Mi sono fatta un po’ di conti e ho pensato che non sarebbe stato tanto oneroso, ce la potevo fare. Grazie ad un’astuta mossa pubblicitaria (tutti sapevano che avevo aperto un sito ma l’indirizzo veniva comunicato solo privatamente a chi lo richiedeva) nel giro di due giorni avevo già un centinaio di iscritti!
Con il passare del tempo, il forum è aumentato considerevolmente di dimensioni, quindi abbiamo dovuto mettere regole abbastanza restrittive e mi sono dovuta avvalere della collaborazione di altre moderatrici, che tengono tutto in ordine.

Cos’è diventato oggi il forum?
Posso dire che oggi è diventato il sito principale in Italia in cui si parla, e con competenza, di autoproduzione cosmetica;  le sezioni INCI sono ricche ed aggiornate, e offrono lo spunto a discussioni sugli ingredienti e nuove idee per prodotti fai da te. Nel momento in cui scrivo gli utenti registrati sono 14.516 (siamo il primo sito di forumup come numero di iscritti) e abbiamo circa 3.500 prodotti recensiti. Oltre a questo, c’è un’interessante sezione sugli ingredienti dei cosmetici, più di 400 ricette di cosmetici fai da te e pagine dedicate ai problemi di pelle e capelli. Qualsiasi ingrediente cosmetico si cerchi in Google, L’”Angolo di Lola”  salta sempre fuori tra i primi risultati.
Tanto successo ha anche un lato negativo: al contrario dei redazionali dei giornali femminili, qui si dice sempre la verità, con l’effetto che alcuni prodotti vengono bocciati perché il loro prezzo non è giustificato o perché contengono ingredienti che non ci piacciono; e questo dà fastidio a più di una casa cosmetica. Io personalmente sono stata minacciata di denuncia tante volte, ed è per questo che mantengo segreto il mio vero nome: voglio continuare a tenere aperto il mio sito senza ingerenze da parte di nessuno, con il solo obiettivo della chiarezza e della trasparenza.

INCI, cosmesi eco-bio e “spignattare”: termini che ricorrono spesso nel forum, ma forse non troppo chiari per alcuni. Vuoi spiegarci meglio di cosa si tratta?
L’INCI è l’elenco degli ingredienti, obbligatorio, che troviamo sulla confezione di ogni prodotto; gli ingredienti sono scritti in ordine decrescente di peso, quindi da questo elenco si possono desumere, con un po’ di esperienza, le effettive percentuali di quello che contiene e dare un giudizio sulla sua efficacia.
La cosmesi eco-bio, o anche bio-eco, è quella cosmesi che nella scelta degli ingredienti non guarda solo alla naturalità ma anche alla biodegradabilità (e alcune volte le due cose non vanno proprio a braccetto) nell’ottica di un impatto ambientale ridotto.
“Spignattare”
è il termine che noi usiamo per indicare l’autoproduzione cosmetica, e  visto che si fa in cucina, usando fornelli e gli stessi strumenti che si usano per cucinare, mi sembra azzeccatissimo.

Perché, secondo te, un prodotto naturale è meglio?
Perché è più dermocompatibile
: la nostra pelle riconosce e assimila più facilmente un olio naturale piuttosto che uno strato di silicone o di petrolato, con cui non ha niente a che fare e di cui non sa che farsene. E poi i veri attivi, quelli che sono tanto pubblicizzati dalle industrie cosmetiche e magari poi presenti in tracce nel prodotto, sono tutti naturali, spesso derivanti dal mondo vegetale. Il problema è l’eccipiente n cui vengono inseriti, ovvero i grassi, gli emulsionanti e i conservanti usati, ed è lì la vera differenza che rende un prodotto più o meno dermocompatibile.
Ma secondo me ancora migliori sono i cosmetici autoprodotti, perché ognuno può davvero inserire le giuste quantità di attivi di qualità, senza dover rispondere a esigenze di profitto. Molte persone che hanno avuto allergie o problemi di pelle li hanno completamente risolti con i cosmetici fai da te, anche chi non riusciva più a spalmarsi nessun tipo di prodotto comprato.

In base a quali criteri si valuta l’INCI di un prodotto?
Posso dirti in base a cosa lo valuto io. Guardo innanzitutto la rispondenza dell’elenco degli ingredienti ai claim pubblicitari e al prezzo di vendita: non sai quante volte cosmetici venduti a prezzi immorali poi dentro non hanno niente che giustifichi il costo, oppure quanti prodotti vantino un certo beneficio anche se non contengono nessun ingrediente che lo possa spiegare.
Poi controllo che le sostanze contenute non siano inquinanti e soprattutto non siano dannose per l’epidermide: certamente privilegio le formule più naturali, anche se mi è capitato di promuovere cosmetici non ecobio che però trovavo ben formulati, o di bocciare cosmetici naturali ma a mio avviso “vuoti”. Tento di dare anche un parere sulla piacevolezza d’uso, che spesso viene confermato dalle utilizzatrici: un cosmetico che puzza, è difficile da spalmare o non si assorbe e lascia la pelle unta sarà sicuramente bocciato, per quanto naturale.

In rete, molte “loline” ti adorano, ma alcune ragazze trovano i tuoi giudizi troppo estremisti. Cosa rispondi?
Che parlano per sentito dire e non conoscono l’argomento sul quale si affannano a dare un giudizio. Chi frequenta il mio forum sa benissimo che io non sono assolutamente una talebana dell’ecobio e in generale guardo sempre e comunque prima di tutto all’efficacia; non riesco veramente a capire per quale motivo in rete ci siamo fatte questa nomea di supernaturali quando invece scendiamo tranquillamente a compromessi tra la naturalità e l’efficacia.

Pur essendo un forum di discussione aperto, il tuo ruolo di moderatrice è molto evidente. Perché allora un forum e non un blog in cui tu valuti e recensisci i prodotti?
É una questione di impostazione di fondo, aprire un blog significa scegliere gli argomenti, fornire la propria opinione senza quasi contraddittorio, perché i commenti sono sempre meno visibili dell’articolo.
Io invece penso di avere ancora tante cose da imparare, e nsono quasi sempre gli utenti a lanciare nuove domande e nuovi argomenti: personalmente infatti apro pochissimi topic, più che altro rispondo.
Voglio che il forum abbia un carattere di servizio, per questo la maggior parte dei contenuti sono aperti anche ai non iscritti e per questo chiediamo che l’argomento sia sempre ben chiaro in modo che chi cerca un’informazione la trovi subito, in un’unica pagina. E’ così che ci siamo creati la fama di moderatori terribili, perché abbiamo istituito delle regole precise che ci servono a mantenere i contenuti chiari e ben separati.

Il forum sembra molto critico nei confronti della pubblicità. Qual è la tua policy in proposito?
Mi interesso di cosmetici sul web da 7 anni, e in questo periodo ne ho viste di cotte e di crude. Ditte che mandano finti consumatori, in realtà dipendenti dell’azienda, sui forum di cosmetica a spingere un certo marchio o sito, ditte che cercano di minacciare chi dà un parere negativo su un prodotto, ventilando denunce per diffamazione, ditte che cercano di comprare letteralmente gli “opinion leader”, così siamo chiamati, con regali e altro. Io non ho mai voluto averci a che fare, mi sono sempre rifiutata di avere interessi in comune con qualsiasi ditta, ho sempre smascherato la pubblicità occulta in ogni sua forma. Sul mio forum la pubblicità è completamente vietata, è permesso che gli utenti diano il loro parere sincero su qualsiasi ditta o prodotto, a condizione che non vi abbiano alcun interesse economico. Non farei mai da testimonial a qualsiasi marchio, ecobio oppure no, e non mi metterei mai a vendere cosmetici: proprio per il fatto che il mio pane quotidiano deriva da completamente un altro settore posso dare sempre il mio parere sincero ed andare in giro a testa alta, e nessuno mi può accusare di fare interessi che non siano quelli dei consumatori. Anche se a qualcuno sembra incredibile a me piace lavorare solo per diffondere la conoscenza e la consapevolezza, anche se purtroppo non c’è da guadagnarci nulla. Per troppo tempo le case cosmetiche hanno giocato e guadagnato sull’ignoranza dei consumatori, ma ora i tempi sono cambiati, e se vogliono vendere devono iniziare a proporre prodotti di qualità, non solo belle pubblicità e confezioni accattivanti.

Annunci

Tag:, ,

§ 19 risposte a Naturale-digitale: un forum per la cosmesi eco-bio

  • IRIS80 ha detto:

    Sono sorpresa del contenuto di questo articolo in quanto proprio ieri sul forum dell’Angola di Lola è stato pubblicato un messaggio da un moderatore riguardante una marca francese che diceva:
    “Ci sono delle cose che hanno prezzi O-S-C-E-N-I!!!”
    Non esistono approfondimenti riguardo a questa marca da parte del moderatore… E credo che il suo giustizio sia del tutto fuori luogo.

  • Lola ha detto:

    Io sono sorpresa che nel 2010 i venditori non sappiano riconoscere la fondamentale differenza tra pubblicità (a senso unico) e forum di discussione (a doppio senso). Nei forum di discussione ognuno ha il diritto di scrivere il proprio personale parere, in base al suo modo di pensare; se si compare, per qualunque motivo, su un forum è possibile ricevere pareri positivi o negativi, e per quanto dia fastidio tocca accettarli; nel mio forum lascio amplissima libertà di opinione e difendo le mie utenti dalle ingerenze delle ditte che preferirebbero imbavagliare e censurare chi non ha opinione positiva dei loro prodotti. Spero ardentemente che questo non sia il preludio all’ennesima minaccia di denuncia, e non se ne può più! Per fortuna esiste ancora libertà di opionione, e pensare e dire che un prodotto è caro non è reato.

  • paolo ha detto:

    Il vero problema e’ che case di creme lusso e prodotti di lusso ,che basano i loro prezzi su opinioni comprate e false.quasi sempre,ricorrono al web e in un paese come il nostro dove esprimere dissenso su un prodotto ,e’fscilmente persegubile da una magistratura cieca,al servizio inconsapevole di multinazionali,blocca il vero spirito della liberta’di espressione! Pure sancito dalla costituzione!

  • ale45 ha detto:

    Lola ti stimo tantissimo e lo dico perchè leggendo i tuoi continui interventi ho cominciato a capire chi e come sei. Ce ne fossero di persone con una morale come la tua… Non so come si faccia a non apprezzare tutto il lavoro che fai. E nonostante tu abbia il grande merito di essere preparatissima non chiedi mai che ti si creda in parola. Anzi è vero proprio il contrario, tu pretendi che le persone attraverso il tuo forum imparino a capire da sole, e facciano scelte più consapevoli. grazie di non cambiare

  • Alessio ha detto:

    “Chi è Lola?
    Loredana, cognome segreto a seguito di numerose minacce di denuncia da parte di case cosmetiche , anni 41, impiegata in una ditta artigiana. Laureata in scienze politiche, non ho seguito un percorso di studi legato a quello che è il mio hobby, ovvero l’eco-cosmesi”

    E’ sempre bello sapere che chi parla tanto di cosmetici ha una laurea in scienze politiche!
    Quasi quasi apro un forum ed inizio a dare pareri legati, tanto dietro un nick ognuno può dire quello che vuole anche senza aver studiato! 🙂

    • UtontoGenerico ha detto:

      Alessio, scusami tanto ma, secondo te uno per poter esprimere un parere su qualcosa deve per forza sfoderare la laurea? E se non è laureato in quella materia allora deve solo tacere? Mi sembra un punto di vista di un’ignoranza imbarazzante, evidentemente IGNORI che la cultura è alla portata di tutti, le biblioteche sono aperte e zeppe di volumi consultabili gratuitamente, non è che i libri stanno in cassaforti chiuse a chiave alle quali possono accedere solo i laureandi in quella determinata materia!!! Ma ti rendi conto di cosa dici? Pensare prima di parlare? Non eh…!
      Sono sicuro che tu saresti capace di parlare di questioni legali senza avere nessuna competenza in merito, ma fortunatamente non tutti sono come te, ci sono anche persone che prima si documentano, e si fanno un mazzo così per farlo, e DOPO esprimono un’opinione con cognizione di causa! E queste persone sono spesso molto più preparate di chi sventola il pezzo di carta (e che, a conti fatti, solo di quello si può fregiare…).

      • Ste ha detto:

        Utonto….mi pare che lola non si limiti ad esprimere un semplice parere…”Pensare prima di parlare? Non eh…!”

    • rossa ha detto:

      Buongiorno a tutti.
      Chiediamo informazioni a una persona esperta in cosmetica e profumi.
      Noi creiamo profumi sul biologico e usando naturalmente il glicerolo e una piccola quantità di benzile benzoato, circa 0,007 0 1% ml per 50 ml . Una dose molto piccola che serve per” agganciare” gli oli essenze. Una base per creare profumi normali sul biologico.
      Queste sono le nostre informazioni che chiediamo a esperti su profumo non biologici….
      Di solito tutti i profumi standar, anche noti contengono sempre questi elementi:
      LINALOOL, EUGENOL, BENZILE BENZOATO, LIMONENE, COUMARIN, ISOEUGENOL ETC..
      Ora vorrei sapere da persona esperta, in un profumo di 50 ml, quante quantità in ml ci sono in u profumo di 50 ml di queste sostanze citate?
      Perché da una ricerca fatta non esiste e non si trova un sito che spiega le quantità e le dosi in millilitri che contiene un profumo di 50 ml delle sostanze citate?
      Sostanze che servono per rendere più persistenti il profumo e più buono, anche se purtroppo sono sostanze chimiche noi non mettiamo nei nostri profumi, preferiamo nonusarli, usiamo solo composizioni standar di base come sopra spiegato ( glicerolo e benzile benzoato alcool ec.. ).
      Per concludere la nostra curiosità, qualche esperto di profumi sa dirci quanti millilitri di EUGENOL, LIMONENE e BENZIL BENZOATO ci sono in un profumo di 50 ml?
      So che alcune aziende caricano in modo esagerato i profumi con queste sostanze chimiche, purtroppo senza questi ingredienti chimici i profumi dicono che non rimangono persistenti…….
      Cosa mettete nei profumi per renderli più persistenti e che durino ore sulla pelle?
      Visto che la gente vuole la persistenza del profumo cercheremo di adeguarci, creeremo profumi biologici e altri profumo non biologici con queste sostanze chimiche, che poi sono sostanze che ci sono in tutti i profumi non biologici.
      Quindi faremo profumi biologici e altri profumi di altra categoria non biologici come i normali profumi standar noti e famosi di oggi.
      Chiedo a un esperto in chimica di profumi le informazioni chieste.
      Grazie attendo risposta.
      Chiediamo risposte solo a persone serie.
      Merc. Rob & company.
      Grazie

      • bruno ha detto:

        Dai una occhiata a nononsensecosmethic si parla della faciloneria profumiera di chi oebsa di avvicinarsi al mondo dei profumi senza competenze.

  • gloria ha detto:

    e no caro Alessio! meno male che non è solo la laurea che ci fa conoscere e approfondire se no tanti tantissimi non laureati dovrebbero arrendersi al titolo per dire “io conosco”. Invece il cervello funziona anche in altri modi e ci si può formare attraverso altri canali. E studiato Lola ha studiato! santo cielo ma che limitatezza!

  • greta libari ha detto:

    Se e un hobby lasciamo dare tanto io uso vandel skin

  • annamaria ha detto:

    Grazie a te e al tuo forum ho incomonciato piu’ di un anno fa ad interessarmi di INCI, ecobio, biologico ,dermocompatibile e spignattare le mie prime cremine. Ho “infettato ” tutte le mie amiche che ormai non comprano nulla senza aver controllato, lente di ingrandimento alla mano, gli INCi. Ci passiamo notizie se scopriamo prodotti con ingredienti a pallino Verde, e con soddisfazione notiamo che qualcosa, anche se lentamente, sta cambiando sugli scaffali. BRAVA!!!!

  • greta libari ha detto:

    con vandel rose ho risolto la couperose anche sulle palpebre in estate protegge dai danni del sole
    ciao a tutte

  • grazia ha detto:

    con le formulazioni Vandel ( skin, latte,rose e body) ed i suggerimenti del medico ho risolto la couperose e la disidratazione.

    grazie Lola

  • Elisa ha detto:

    Con gente come Alessio é una guerra persa….

  • lunatikakronika ha detto:

    Lola sei stata un’ancora di salvezza per moltissime persone, tra cui me! Grazie per i tuoi consigli e per il tuo tempo!

  • giovanna ha detto:

    Scusami se mi permetto di chiederti una consulenza su una crema anti rughe che posso fare da me oppure acquistare. ne ho provato tante e di tutte le marche comprese alcune prodotte da un’associazione di farmacisti, ma quasi tutte dopo qualche settimana, mi scatenano tosse e starnuti compresa la sinusite con secrezioni molto colorate e edemi agli occhi che durano molto tempo. mi potresti consigliare qualche prodotto, te ne sarei grata.

    • Paola Sereno ha detto:

      Ciao Giovanna, io ho solo intervistato Lola, non sono un’esperta di cosmetica e purtoppo non sono in grado di consigliarti alcun prodotto, a maggior ragione per un caso specifico come il tuo. Mi spiace non poterti essere d’aiuto! Paola

  • rossa ha detto:

    Buongiorno a tutti.
    Chiediamo informazioni a una persona esperta in cosmetica e profumi.
    Noi creiamo profumi sul biologico e usando naturalmente il glicerolo e una piccola quantità di benzile benzoato, circa 0,007 0 1% ml per 50 ml . Una dose molto piccola che serve per” agganciare” gli oli essenze. Una base per creare profumi normali sul biologico.
    Queste sono le nostre informazioni che chiediamo a esperti su profumo non biologici….
    Di solito tutti i profumi standar, anche noti contengono sempre questi elementi:
    LINALOOL, EUGENOL, BENZILE BENZOATO, LIMONENE, COUMARIN, ISOEUGENOL ETC..
    Ora vorrei sapere da persona esperta, in un profumo di 50 ml, quante quantità in ml ci sono in u profumo di 50 ml di queste sostanze citate?
    Perché da una ricerca fatta non esiste e non si trova un sito che spiega le quantità e le dosi in millilitri che contiene un profumo di 50 ml delle sostanze citate?
    Sostanze che servono per rendere più persistenti il profumo e più buono, anche se purtroppo sono sostanze chimiche noi non mettiamo nei nostri profumi, preferiamo nonusarli, usiamo solo composizioni standar di base come sopra spiegato ( glicerolo e benzile benzoato alcool ec.. ).
    Per concludere la nostra curiosità, qualche esperto di profumi sa dirci quanti millilitri di EUGENOL, LIMONENE e BENZIL BENZOATO ci sono in un profumo di 50 ml?
    So che alcune aziende caricano in modo esagerato i profumi con queste sostanze chimiche, purtroppo senza questi ingredienti chimici i profumi dicono che non rimangono persistenti…….
    Cosa mettete nei profumi per renderli più persistenti e che durino ore sulla pelle?
    Visto che la gente vuole la persistenza del profumo cercheremo di adeguarci, creeremo profumi biologici e altri profumo non biologici con queste sostanze chimiche, che poi sono sostanze che ci sono in tutti i profumi non biologici.
    Quindi faremo profumi biologici e altri profumi di altra categoria non biologici come i normali profumi standar noti e famosi di oggi.
    Chiedo a un esperto in chimica di profumi le informazioni chieste.
    Grazie attendo risposta.
    Chiediamo risposte solo a persone serie.
    Merc. Rob & company.
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Naturale-digitale: un forum per la cosmesi eco-bio su The concept store.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: